La depressione, un tempo considerata appannaggio di poche élite e geni letterari, è diventata “popolare”. Secondo le statistiche, più di 350 milioni di persone nel mondo soffrono di depressione. I fattori patogeni della depressione sono vari e complicati, spesso indotti da fattori fisiologici, psicologici e ambientali, e facili da ricadere. Attualmente, il trattamento principale per la depressione è la terapia farmacologica, la psicoterapia e la terapia fisica, tra cui i più comuni sono i farmaci antidepressivi, ma la maggior parte dei farmaci ha effetti collaterali e produce una certa resistenza. Pertanto, rispetto agli antidepressivi tradizionali, la maggior parte dei pazienti è più propensa a scegliere estratti vegetali o erbe naturali, sicuri e con meno effetti collaterali per ottenere sollievo. Qui diamo uno sguardo ad alcune delle erbe che puoi usare per alleviare la depressione.

crocus sativus

Il Crocus sativus L. è un fiore erbaceo a bulbo perenne del genere Crocus della famiglia dell'iris, noto anche come zafferano o Crocus. Lo zafferano è ampiamente utilizzato in Spagna, Francia e altri paesi europei come spezia alimentare essenziale, ma anche come medicinale estremamente prezioso in Cina. Negli ultimi anni, gli studi hanno scoperto che l'estratto di zafferano ha una forte attività antiossidante, che non solo può migliorare significativamente l'ansia e il sonno, ma anche regolare l'immagazzinamento e la riproduzione delle informazioni nel cervello, alleviando i deficit di memoria.

Recentemente, i ricercatori della Murdoch University australiana e di altre istituzioni hanno pubblicato uno studio sul British Journal of Neuropharmacology e hanno scoperto che l'uso combinato di estratto di zafferano e farmaci antidepressivi ha anche un migliore effetto antidepressivo. In questo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, 160 pazienti depressi di età compresa tra 18 e 65 anni sono stati divisi in due gruppi e trattati con un farmaco antidepressivo, con un gruppo che ha ricevuto un ulteriore estratto di zafferano (capsula) e l'altro un ulteriore estratto di zafferano (capsula) placebo per otto settimane.

I risultati hanno mostrato che i pazienti che hanno assunto il estratto di zafferano le capsule hanno sperimentato una riduzione del 41% dei sintomi depressivi e coloro che hanno assunto il gruppo placebo hanno sperimentato una riduzione del 21% dei sintomi depressivi. Inoltre, i pazienti che assumevano capsule di estratto di zafferano hanno ottenuto risultati migliori anche in termini di qualità del sonno e partecipazione attiva a varie attività. Questi risultati suggeriscono che “lo zafferano può essere utilizzato come integratore per migliorare l’efficacia della terapia antidepressiva”. Inoltre, i risultati suggeriscono che l’integrazione di zafferano può ridurre alcuni degli effetti collaterali degli antidepressivi”. Tuttavia, i ricercatori hanno anche affermato che i risultati sono preliminari e che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare l’efficacia dello zafferano negli antidepressivi.

Rhodiola rosea

La Rhodiola rosea L. è la radice essiccata e il rizoma della Rhodiola Rosea, detta anche radice d'oro. Più di duemila anni fa, le popolazioni dell'altopiano tibetano lo usavano come medicina per rafforzare la propria salute e resistere all'influenza dell'ambiente avverso. Studi moderni hanno dimostrato che la Rhodiola rosea ha proprietà antiossidanti, aumenta la resistenza all'esercizio fisico e migliora l'immunità, migliora il sonno e gli effetti sbiancanti. Inoltre, studi sugli animali hanno dimostrato che l'estratto di rodiola salidroside può aumentare la velocità del triptofano precursore della serotonina e del 5-HTP nel cervello e può migliorare la depressione e la depressione.

Il 15 marzo 2015, un professore associato della Perelman School of Medicine dell'Università della Pennsylvania e i suoi colleghi hanno pubblicato uno studio sull'American Journal of Botanical Medicine da cui è emerso che estratto di rodiola può trattare la depressione e ridurre al minimo gli effetti collaterali. Lo studio ha reclutato un totale di 57 adulti con disturbo depressivo (che avevano almeno due episodi di depressione maggiore, umore basso o perdita di interesse o piacere nelle attività della vita) che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un estratto standard di rodiola, un antidepressivo e un farmaco placebo per 12 settimane.

Lo studio ha rilevato che i partecipanti trattati con estratto di rodiola rosea e antidepressivi hanno avuto un aumento dei sintomi depressivi rispettivamente di 1.4 e 1.9 volte rispetto al placebo. Sebbene si sia verificato un leggero miglioramento dei sintomi depressivi nei pazienti trattati con antidepressivi, gli effetti collaterali (principalmente nausea e disfunzione sessuale) erano due volte più probabili in quelli trattati con l’estratto. I risultati suggeriscono che i pazienti intolleranti agli antidepressivi potrebbero invece provare a ricevere l’estratto di rodiola rosea con effetti collaterali minimi.

Hypericum perforatum

L'Hypericum perforatum L., conosciuto anche come erba di San Giovanni, è una pianta erbacea perenne del genere Hypericum della famiglia delle garcinia. La moderna ricerca scientifica ha dimostrato che l'ipericina e la resina dell'erba di San Giovanni contenute nell'hypericum perforatum hanno proprietà antidepressive, antivirali, antitumorali, antinfiammatorie e immunostimolanti. Con il continuo sviluppo della ricerca scientifica, l’estratto di Hypericum perforatum è stato dimostrato anche nel trattamento della depressione e dell’ansia lieve e moderata.

Uno studio del 2016 che ha coinvolto 14 studi su 960 adulti ha dimostrato che l’assunzione giornaliera di 500-1,800 mg di estratto di hypericum perforatum può ridurre significativamente la depressione, così come gli antidepressivi da prescrizione standard. Lo studio ha scoperto che l'estratto di Hypericum perforatum migliora l'umore, i sintomi di ansia e gli effetti antidepressivi riducendo il riassorbimento da parte del corpo di serotonina, dopamina e norepinefrina.

Trifoglio messicano

Il trifoglio messicano (Richardia scabra L.) è una specie di erba medica della famiglia delle Rubaceae. Nel trattamento della medicina tradizionale cinese, l'intera pianta del trifoglio messicano viene utilizzata come tonico ed emetico, e gli studi hanno anche scoperto che ha una certa attività medicinale nel trattamento dell'asma e della dermatite. Il 30 dicembre 2016, uno studio sperimentale sugli animali che valutava l'attività neurofarmacologica dell'estratto di erba medica ha scoperto che l'estratto di trifoglio messicano di erba medica ha una significativa attività antidepressiva e ansiolitica.

In questo studio sugli animali, è stato scoperto che l'estratto di trifoglio messicano di Medicago ha attività antidepressive e antiansia molto significative. Allo stesso tempo, diverse dosi di estratto di erba medica hanno mostrato attività anti-ansia e anti-depressione. Questi risultati suggeriscono che l’estratto di trifoglio messicano può contenere inibitori del sistema nervoso centrale, che potrebbero essere una futura fonte di composti naturali per antidepressivi e farmaci anti-ansia. Tuttavia, gli esatti composti bioattivi presenti nell’estratto di trifoglio messicano devono ancora essere chiariti da ulteriori studi, e il meccanismo d’azione di base deve essere completamente chiarito.

Broccoli

I broccoli, una pianta crocifera, sono un ortaggio popolare. Tra tutte le verdure, i broccoli sono i primi tra gli ortaggi simili in termini di nutrienti e hanno la fama di “corona vegetale”. Il consumo regolare è benefico per la salute. Il 14 agosto 2016, uno studio pubblicato dal Centro di ricerca sull’educazione alla salute mentale sociale dell’Università di Chiba in Giappone ha dimostrato che il sulforafano (SFN) contenuto nei broccoli ha l’effetto di prevenire la depressione e inibire il ripetersi della depressione.

Il team ha studiato i topi e ha scoperto che quelli in stato depressivo mostravano meno interesse per i dolci. Quindi, i ricercatori hanno utilizzato l’esperimento dell’acqua dolce per misurare i topi e hanno scoperto che topi normali e sani potevano bere una concentrazione compresa tra il 70% e l’80% dell’acqua dolce, mentre i topi depressi stressati potevano bere solo circa il 50% dell’acqua dolce. Ma se la SFN veniva somministrata ai topi prima che cadessero in uno stato depressivo, i topi depressi bevevano l’acqua dolce proprio come i topi normali, evitando così l’insorgenza di sintomi depressivi. I risultati mostrano che il sulforafano ha l’effetto di prevenire la depressione. Allo stesso tempo, il gruppo di ricerca ritiene che i risultati di questo studio sugli animali potrebbero essere efficaci anche sugli esseri umani e spera che in futuro un apporto equilibrato di verdure crocifere come i broccoli possa ridurre il rischio di depressione.

Con l’aumento della prevalenza della depressione e l’elevata probabilità di recidiva, la prevenzione e il trattamento della depressione sono particolarmente importanti. Pertanto, i farmaci antidepressivi naturali, sicuri ed efficaci hanno ampie prospettive di sviluppo. Con il continuo approfondimento della ricerca, gli estratti vegetali naturali possono avere un posto nei campi antidepressivi.