L'Echinacea purpurea è un tipo di fiori selvatici di compositae originari dell'America, noto anche come American Cone Flower, noto anche come "Echinacea", è un'erba perenne e solitamente rosa o viola. La sua storia medicinale può essere fatta risalire al periodo degli indiani nordamericani nel 18° secolo. È la migliore medicina per il trattamento di traumi, morsi di serpente, mal di testa e raffreddore e ora è stato un promotore immunitario e un immunomodulatore prevalente a livello internazionale ora.

Attualmente, con lo sviluppo delle aggiunte di echinacea, l'erba di echinacea ei suoi estratti sono stati utilizzati nell'allevamento del bestiame a causa della sua forte regolazione immunitaria, è un potenziatore immunitario ideale e la sostanza principale per resistere alle malattie di pollame e suini. Le funzioni principali sono (prendi ad esempio il maiale):

  1. Può resistere all'infezione virale delle scrofe. Inibendo la replicazione del virus nel corpo, purificare il virus nel corpo come cirri, orecchio blu, peste suina e così via. Inoltre, può migliorare l'anticorpo materno e la qualità del latte delle scrofe.
  2. Migliora la salute e la resistenza dei suinetti. Estratto di echinacea può promuovere l'attività immunitaria dei linfociti T, dei linfociti B e dei macrofagi, migliorare la risposta immunitaria e il livello immunitario del corpo e migliorare il livello di salute e la capacità antistress dell'intero maiale. Risolve tutti i tipi di malattie virali di scrofe e suinetti.
  3. Trattamento adiuvante di altre malattie virali. Ha un forte effetto terapeutico ausiliario su febbre alta senza nome, peste suina, orecchio blu, infezione da circo.

Come funziona l'echinacea? Partiamo dalla composizione chimica e dall'azione farmacologica dell'echinacea:

Composizione Chimica Di Echinacea

Attraverso gli studi noti, la composizione chimica dell'echinacea comprende polisaccaridi e glicoproteine, derivati ​​dell'acido caffeico, alchil ammide e molti altri componenti.

Polisaccaridi e glicoproteine

Due polisaccaridi immunostimolanti (PS ⅰ, PS ⅱ) sono stati ottenuti mediante isolamento sistematico e test di attività farmacologica di estratti acquosi di echinacea. L'analisi strutturale ha mostrato che PS ⅰ era 4-metossi-glucaldeide-arabinos-xilano e PS ⅱ era arabinos-ramnosio-galattoglicano acido. Uno xiloglucosaccaride con un peso molecolare relativo di 79 è stato isolato dalle foglie e dagli steli di echinacea e un polisaccaride simile alla pectina è stato ottenuto dal succo di echinacea.

Sono state isolate tre glicoproteine ​​da Echinacea purpurea con pesi molecolari relativi rispettivamente di 17, 000 e 21, contenenti circa il 000% di proteine. Gli zuccheri principali erano arabinosio (30% ~ 000%), galattosio (3% ~ 64%) e glucosamina (84% ~ 119%). La parte proteica contiene principalmente acido aspartico, glicina, acido glutammico e alanina.

Derivato dell'acido caffeico

I derivati ​​dell'acido caffeico sono i principali componenti attivi dell'echinacea, tra cui acido di cicoria, acido clorogenico, acido caffeico, glucoside di echinacea, carciofo e acido isoclorogenico. L'acido di cicoria è il principale componente attivo nelle parti fuori terra dell'echinacea. Il contenuto di acido di cicoria nei fiori e nelle radici dell'echinacea era rispettivamente dell'1.2% ~ 3.1% e dello 0.6% ~ 2.1%. I derivati ​​dell'acido caffeico possono migliorare l'immunità, gli effetti antibatterici, antinfiammatori, antiossidanti e di scavenging dei radicali liberi e gli effetti antivirali, utilizzati per il trattamento e la prevenzione delle infezioni causate da vari agenti patogeni, in particolare per l'infezione del tratto respiratorio superiore.

ammidi grasse

L'altro principale ingrediente attivo in Estratto di Echinacea purpurea è un'ammide alifatica con due doppi legami del gruppo coniugativo carbonile. La ricerca su questo tipo di ingrediente chimico è stata avviata cercando un pesticida, che ha dimostrato di avere una significativa attività di potenziamento immunitario, quindi è stato studiato in modo approfondito e approfondito. Il contenuto più alto di questi composti in Echinacea echinacea mediante HPLC era 0.10040% ~ 0.10395%.

Attività farmacologica dell'echinacea

Attività immunitaria

I risultati hanno mostrato che i polisaccaridi ottenuti dall'erba Echinacea purpurea possono stimolare i macrofagi a rilasciare il fattore di necrosi tumorale α (TNF-α) e l'interferone β e regolare la produzione e la trasformazione della stimolazione linfocitaria. È stato dimostrato che i preparati a base di echinacea SAP aumentano l'attività di granulociti e macrofagi negli studi sull'uomo e sugli animali. Nell'esperimento di fagocitosi di granulociti in vitro, il tasso di fagocitosi dell'estratto di radice di echinacea (0.1-1 mg / ml) è stato aumentato del 33%-47% dopo la co-coltura con l'estratto di radice di echinacea per 45 min. Il test di espressione dell'antigene CD69 ha mostrato che quando la concentrazione dell'estratto di radice di echinacea era 0.1 mg/mL, il tasso di attivazione delle cellule T-inibitorie e delle cellule NK era rispettivamente dell'80% e del 147%.

Attività antinfiammatoria e attività antibatterica

L'echinacea è tradizionalmente utilizzata come antinfiammatorio in Nord America e in Europa. L'estratto di echinacea ha mostrato evidenti effetti antinfiammatori nel modello di permeabilità vascolare indotto dall'acido acetico glaciale, nel modello di gonfiore indotto dalla carragenina e nel modello di secrezione di TNF-α indotto da LPS dei megofili di ratto. Attraverso il test di inibizione del tumore nei topi e la determinazione del contenuto sierico di TNF, i botanici hanno dimostrato che l'echinacea può inibire significativamente la produzione di TNF nei topi e hanno dedotto che l'echinacea può avere effetti antinfiammatori e antiallergici. Nei topi infetti da candida albicans trattati con polisaccaridi di echinacea, il numero di n. albicans nel rene dei topi è diminuito significativamente 24 ore dopo, indicando che i polisaccaridi dell'echinacea possono resistere a n. infezione da albicans

Attività antivirale

Gli scienziati hanno scoperto che gli estratti di echinacea hanno effetti inibitori sul virus dell'herpes simplex di tipo I esposto alla luce visibile e ultravioletta, in particolare contro il virus dell'influenza, il virus dell'herpes, il virus della vescicostomatite, il virus Sackie B e il poliovirus.

Esperimenti di farmacologia di Echinacea sui suini

L'estratto di echinacea può migliorare la produttività dei suini, proteggere gli organi immunitari dei suini e la funzione dei fagociti, migliorare la funzione immunitaria delle cellule T e migliorare il livello di anticorpi. Duecento suinetti svezzati contemporaneamente sono stati divisi in quattro gruppi con livelli supplementari di echinacea rispettivamente di 0, 0.5%, 1.0% e 1.5%. Campioni di sangue sono stati prelevati ogni 10 giorni per misurare i livelli di anticorpi osservando le prestazioni. I suinetti sono stati immunizzati con il vaccino classico contro la peste suina e il vaccino per l'orecchio blu a 20 e 50 giorni di età.

I risultati hanno mostrato che l'echinacea non ha avuto effetti significativi sul tasso di sopravvivenza dei suinetti svezzati, ma ha aumentato significativamente il guadagno giornaliero (>10%) e riduce il rapporto mangime/carne (>5%). Nel gruppo echinacea, i neutrofili nel sangue dei suini sono aumentati in modo significativo. L'echinacea può ovviamente migliorare l'immunità aspecifica dei suini. I campioni di sangue sono stati raccolti a 30, 40, 50, 60, 70 e 80 giorni di età per misurare i livelli di anticorpi del CSFV e dell'orecchio blu. All'età di 60 giorni, il livello di anticorpi del CSFV e degli anticorpi dell'orecchio blu nel gruppo echinacea + 1.5% era significativamente migliore rispetto a quelli nel gruppo non echinacea + 1.5% e la produzione di anticorpi nel gruppo echinacea + 1.5% era più veloce e durato più a lungo.